Slide background

Prima Pagina 8-17

Vai alle notizie della riapertura della Cattedrale -->

Vai alle notizie della visita del Papa a Carpi ..>

Il Papa a Carpi

Carissimi fratelli e sorelle in Cristo,
vi annuncio con gioia e commozione che il Santo Padre Francesco ha deciso di "incontrare" la nostra Chiesa particolare di Carpi, domenica 2 aprile 2017.
È il secondo Papa in cinque anni che visita la nostra Chiesa. Si tratta di un grande onore che ci viene riservato, ma anche di una enorme responsabilità!
Nel giugno del 2012 il Pontefice emerito Benedetto XVI accorse tra noi per confortarci nelle nostre sofferenze e rianimarci, quale Padre amoroso, nella speranza.
Ora il successore di Pietro, Papa Francesco, viene per una Visita pastorale e a confermarci, così, nella fede nel Cristo luce e cuore del mondo.
Il Pontefice, nel Convegno Ecclesiale di Firenze, ha consegnato alla Chiesa italiana, come testo programmatico, l'Esortazione Apostolica Evangelii Gaudium.
La Lettera inizia con queste parole: "La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù, coloro che si lasciano salvare da Lui e sono liberati dal peccato, dalla tristezza del vuoto interiore, dall'isolamento. Con Gesù Cristo sempre nasce e rinasce la gioia" (EG n. 1).
La caratteristica del cristiano, dunque, è la gioia che nasce dalla comunione con Cristo! Forse proprio per questa ragione è la parola più importante e citata del documento.
Il nemico della gioia è il peccato che porta con sé tristezza, pessimismo, perdita di senso, lamento.
Si tratta di condizioni che nascono quando dall'orizzonte della vita si toglie Dio e l'uomo rimane solo e non vede che buio nel suo futuro. Chi ci off re la possibilità di vivere nella gioia è solo Gesù Cristo perché ci libera dal peccato con la sua morte e resurrezione.
Papa Francesco viene per invitare "ogni cristiano, in qualsiasi luogo e situazione si trovi, a rinnovare oggi stesso il suo incontro personale con Gesù Cristo", a "cercarlo ogni giorno senza sosta" (EG n. 3). Da questo incontro vero, umanizzante e liberante nasce la capacità di instaurare con i fratelli relazioni non banali, non superficiali, segno di una Chiesa autenticamente missionaria capace anche di incidere positivamente nella società civile.
Accogliamo, dunque, con fede, gioia e gratitudine il Signore, che nella persona del Suo Vicario viene non solo a visitarci, ma a stimolare tutti e ciascuno a diventare autentici ricercatori di Dio e a ricordare a tutta la nostra Chiesa particolare che "la sorgente dell'azione evangelizzatrice" sta nell'"incontro - o reincontro - con l'amore di Dio che si tramuta in felice amicizia" (EG n. 8).
Da parte nostra, fin da ora, per manifestare la nostra apertura di cuore, ci uniamo alla professione di Pietro: "Signore da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna" (Gv 6,68).
+ Francesco Cavina

Diocesi di Carpi

all rights reserved

powered by duemmeweb